Passa ai contenuti principali

A volte ritornano...

Cosa è successo dopo quel 29 novembre 2013, data del mio ultimo post?
E' successo che avevo da poco cambiato lavoro, ero passata dall'e-commerce delle mutande all'e-commerce delle scarpe (prima o poi doveva succedere 💗). E il nuovo lavoro, in una graziosa start-up, piano piano mi aveva risucchiato tutto il tempo, e avevo appena inaugurato la staffetta lavoro-palestra che ad oggi non è cambiata.  
E' cambiata invece la mia casa, dal "monolocale che diventerà un castello" sono passata alla "casetta piccolina in canadà"che,  appena finito di arredare, ho ceduto a mia sorella per cambiare città. Così,  dopo qualche mese di transizione nel loft bolognese di Salvo e Fabio (click qui per conoscerli), mi sono trasferita nelle Marche perché fare e-commerce delle scarpe non era abbastanza come fare e-commerce delle scarpe/copywriter delle scarpe/visual merchandiser delle scarpe/tutto-quello-che-si-può-fare-faccio delle scarpe.
Cos'altro è cambiato: ho superato i 30 e ho ricominciato da zero con troppa spavalderia. Ma il mare fuori dalla porta mi ha dato una buona dose di coraggio e anche qui ho creato una mia piccola dimensione.

Sono passata dai tacchi a spillo alle sneakers, da camminare per km a non avere troppi km su cui camminare.
Non è cambiata invece la mia curiosità, la voglia di esplorare il mondo, di conoscere la gente, di fare cose nuove. E ovviamente non è cambiato il casino nella mia testa, non è cambiato che ho più scarpe che metri quadri. 
Non è cambiato che rischio di mettere la torta nell'armadio, perché non è mai cambiato che mi piace cucinare per gli altri, e in questi quasi 4 anni ho sfornato tante torte di compleanno, dolcetti consolatori e nuovi esperimenti da assaggiare.  Ho cucinato per e con i bambini. E ho fatto tante tantissime altre cose che non hanno a che fare l'una con l'altra, perché ho bisogno di spaziare, perché ho bisogno di stimoli, ho bisogno di essere tante persone e fare tante cose.
E sono di nuovo qui, perché probabilmente ho ancora voglia di condividere qualcosa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Auguri Elisa

Eh sì, le fragole nella torta piacciono a tutti, così mi sono ritrovata a fare per la seconda volta in meno di un mese la torta con crema chantilly e fragole (per la ricetta clicca qui, di diverso c'è solo il rum nella bagna). Questa volta per i 30 anni della mia amica Elisa...ops, si poteva dire che sono 30? Lei direbbe di no, io dico di sì...i 30 anni sono la via di mezzo tra la giovinezza e la maturità, dello spirito, della mente e del fisico; un'età in cui (forse) bisogna fare delle scelte importanti e dei cambiamenti sostanziali...quindi mi sa, cara Eli, che vanno vissuti alla grande (autoconvincimento? sì dai, ho un altro anno per abituarmi all'idea). Come dice Carrie in Sex and The City:

"I 20 anni servono per divertirsi,  i 30 per imparare la lezione, i 40 per pagare tutti i drinks"

Quindi, che i tuoi "enta" abbiano inizio e siano un susseguirsi di successi, viaggi e desideri realizzati. Anche da qui volevo augurarti buon compleanno amica mia. So…

Praline cocco-lose

Erano tre anni che non preparavo biscottini al cocco. Nello specifico, da quando mi sono trasferita da Reggio Calabria a Bologna e non ho avuto più l'ausilio dell'amato Bimby di mia madre. Tra le sue ricette, ve ne è una di deliziosi biscottini morbidi al cocco che si impastano (o meglio lui, il Bimby, impasta) in una manciata di secondi.  Di recente ho invece scovato una nuova ricettina e mi è venuta voglia di farli: questi biscottini al cocco sono di una ragazza conosciuta su Instagram, il nickname è chiarapassion, che ha un blog carinissimo su cui ci passa i suoi esperimenti ma anche le sue mise en place, che sono davvero "fashion di gusto" (la filosofia del blog è giusto questa)! Questi biscottini, oltre ad essere deliziosi, sono velocissimi da preparare! Io li ho ribattezzati PRALINE COCCO-LOSEperché, devo ammetterlo, eccedono in dolcezza!
Ingredienti
397 g di latte condensato Nestlè (1 lattina) 250 g di farina di cocco
Riscaldare il forno a 135°. Unire i due…

Una torta con dieci cuoricini. Perché l'amore va urlato.

Salvo e Fabio sono due splendidi ragazzi conosciuti qualche anno fa grazie alla mia amica Stefi, e da allora mi hanno sempre coinvolto nei loro momenti di baldoria con gli amici.  Questa volta si sono inventati una festa in casa per celebrare i loro 10 anni d'amore. Una casetta piccina picciò, graziosa e deliziosamente arredata diventa un piccolo paradiso per una sera: si respira amicizia, allegria, felicità ed amore..ovviamente! Si beve prosecco e si mangiano polpette  (non solo quelle, ma meritano di essere citate: standing ovation per Salvo). Quello che più mi rimane in testa di questa serata è l'orgoglio con il quale entrambi parlano della loro storia, la soddisfazione di beffeggiare gli stereotipi dell'amore, la dimostrazione che l'amore non ha età, sesso, colore. E la voglia di urlarlo al mondo. Anche se poi, in realtà, a loro basta urlarlo agli amici  che li circondano affettuosamente. Auguri ragazzi, brindo alle tantissime feste che faremo per il vostro amore!…