Passa ai contenuti principali

Una torta con dieci cuoricini. Perché l'amore va urlato.


Salvo e Fabio sono due splendidi ragazzi conosciuti qualche anno fa grazie alla mia amica Stefi, e da allora mi hanno sempre coinvolto nei loro momenti di baldoria con gli amici. 
Questa volta si sono inventati una festa in casa per celebrare i loro 10 anni d'amore.
Una casetta piccina picciò, graziosa e deliziosamente arredata diventa un piccolo paradiso per una sera: si respira amicizia, allegria, felicità ed amore..ovviamente! Si beve prosecco e si mangiano polpette  (non solo quelle, ma meritano di essere citate: standing ovation per Salvo).
Quello che più mi rimane in testa di questa serata è l'orgoglio con il quale entrambi parlano della loro storia, la soddisfazione di beffeggiare gli stereotipi dell'amore, la dimostrazione che l'amore non ha età, sesso, colore. E la voglia di urlarlo al mondo. Anche se poi, in realtà, a loro basta urlarlo agli amici  che li circondano affettuosamente. Auguri ragazzi, brindo alle tantissime feste che faremo per il vostro amore! 

E preparo pure una tortina tutta cuoricinosa, allo yogurt con frutti di bosco!

Ingredienti per la base allo yogurt:
3 uova
250 g di zucchero
2 vasetti di yogurt bianco magro
1 vasetto di olio di semi
300 g di farina
1 bustina di cremor tartaro 
1 bustina di vanillina

Per prima cosa bisogna accendere il forno a 180°, imburrare e infarinare una teglia (io ne ho usata una a cerniera, 28 cm di diametro)
Sbattere energicamente le uova con lo zucchero, aggiungere i due vasetti di yogurt e mescolare ancora, poi aggiungere l'olio di semi e mescolare il tutto.
A questo punto bisognerà unire, pian pianino, gli ingredienti secchi precedentemente uniti tra di loro e setacciati: farina, lievito (io ho usato il cremor tartaro) e la vanillina.
Una volta ottenuto un composto liscio, omogeneo e non troppo denso (nel caso lo fosse, aggiungere ancora dello yogurt o un altro mezzo vasetto d'olio) versare nella teglia.

A questo punto potremo decidere di infornare direttamente la torta per 35 minuti, o dargli prima un tocco in più che la distingua da una torta da colazione e la renda gradevole anche alla fine di una cena.

Io ho usato i frutti di bosco, che conferiscono a questa torta un contrasto un po' acidulo e mantengono morbido ed umido l'impasto. Proprio per questo è importante controllare la cottura con uno stuzzicadenti prima di spegnere il forno, così da decidere se è il caso di lasciarla ancora un po'. Alla mia sono bastati 35 minuti, ho solo spento il forno e aspettato per altri 5 con lo sportello socchiuso prima di estrarla, in modo da non creare sbalzi termici. 

Ho spolverato con dello zucchero a velo, ho decorato il bordo con dei cuoricini di zucchero e ne ho creati altri 10 con la pasta di zucchero rossa.


Commenti

Post popolari in questo blog

Auguri Elisa

Eh sì, le fragole nella torta piacciono a tutti, così mi sono ritrovata a fare per la seconda volta in meno di un mese la torta con crema chantilly e fragole (per la ricetta clicca qui, di diverso c'è solo il rum nella bagna). Questa volta per i 30 anni della mia amica Elisa...ops, si poteva dire che sono 30? Lei direbbe di no, io dico di sì...i 30 anni sono la via di mezzo tra la giovinezza e la maturità, dello spirito, della mente e del fisico; un'età in cui (forse) bisogna fare delle scelte importanti e dei cambiamenti sostanziali...quindi mi sa, cara Eli, che vanno vissuti alla grande (autoconvincimento? sì dai, ho un altro anno per abituarmi all'idea). Come dice Carrie in Sex and The City:

"I 20 anni servono per divertirsi,  i 30 per imparare la lezione, i 40 per pagare tutti i drinks"

Quindi, che i tuoi "enta" abbiano inizio e siano un susseguirsi di successi, viaggi e desideri realizzati. Anche da qui volevo augurarti buon compleanno amica mia. So…

A volte ritornano...

Cosa è successo dopo quel 29 novembre 2013, data del mio ultimo post? E' successo che avevo da poco cambiato lavoro, ero passata dall'e-commerce delle mutande all'e-commerce delle scarpe (prima o poi doveva succedere 💗). E il nuovo lavoro, in una graziosa start-up, piano piano mi aveva risucchiato tutto il tempo, e avevo appena inaugurato la staffetta lavoro-palestra che ad oggi non è cambiata.   E' cambiata invece la mia casa, dal "monolocale che diventerà un castello" sono passata alla "casetta piccolina in canadà"che,  appena finito di arredare, ho ceduto a mia sorella per cambiare città. Così,  dopo qualche mese di transizione nel loft bolognese di Salvo e Fabio (click qui per conoscerli), mi sono trasferita nelle Marche perché fare e-commerce delle scarpe non era abbastanza come fare e-commerce delle scarpe/copywriter delle scarpe/visual merchandiser delle scarpe/tutto-quello-che-si-può-fare-faccio delle scarpe. Cos'altro è cambiato: ho s…